febbraio 2019

Corporate learning | Atc Brand Design & Communication

digital-learning-header.jpeg

Learning and Development have become the quintessential requisite for employees who aim at securing their professional development and a fruitful career. It is also a must a for companies willing to retain the best talents and to nurture knowledge and internal know how for long-term growth.

Sei interessato a implementare programmi di e-learning nella tua azienda? 
Ecco alcune cose da tenere a mente.

Dalla classe al web, il training aziendale ha ormai cambiato forma, polverizzandosi in una miriade di approcci, piattaforme e formati. I programmi digitali sono molto popolari tra i professionisti dedicati a quella che-traducendo l’espressione inglese-viene definita “formazione continua”.

La percezione di un mercato del lavoro più incerto e più impervio spinge molti di noi ad aggiornare con grande frequenza le proprie competenze e abilità tecniche. Secondo una ricerca di Deloitte del 2017, tecnologie e discipline  stanno evolvendo a un ritmo tanto sostenuto, che alcune figure professionali- ingegneri e sviluppatori, ad esempio-sarebbero chiamate a rivedere le proprie qualifiche ogni 12 o 14 mesi.

La possibilità di accedere a corsi di aggiornamento e formazione aziendale diventa per molti candidati un criterio di scelta del futuro ambiente di lavoro. Sono soprattutto i Millennials a rifiutare posizioni che non prospettino avanzamenti di carriera e opportunità di crescita professionale.

SCORM e digital learning

Lo stato dell’arte nel digital learning: nuovi trend e prospettive di mercato

Quando si parla di Digital Learning si fa riferimento solitamente a piattaforme online integrate, che uniscono diversi canali e strumenti di supporto e permettono un’esperienza di apprendimento più ricca e gratificante per gli utenti.

Dai webinar ai social network, dalle app mobile alla gamification, queste piattaforme rispondono alla crescente domanda di prodotti agili, modulari e flessibili, con contenuti pensati per intrattenere, oltre che insegnare. 

I formati più apprezzati dagli utenti restano i video; a seguire, webinars e social media. Molto diffusi sono anche i MOOC (Massive Online Open Courses), corsi tenuti da remoto con un numero di partecipanti molto alto. Tutori online, strumenti interattivi e web-app con contenuti educational completano l’attuale panorama formativo digitale.

 
Alcune tendenze nel panorama del digital learning
  1. Micro-Learning Un approccio basato sulla divisione modulare del contenuto di e-learning.
  2. Gamification Le materie di apprendimento vengono trasformate ed erogate in forma di esperienze interattive, ludiche e divertenti.
  3. Cloud-based system Permettono maggiore efficienza e contenimento dei costi.
 

Gli obiettivi dell’e-learning.

Vuoi misurare l’apprendimento dei tuoi dipendenti? Cerchi nuovi modi per rendere appetibili i contenuti corporate? O per trasformare ingombranti pdfs in esperienze interattive e coinvolgenti? Continua a leggere.

Prima di stabilire quali piattaforme e formati meglio si addicono alla tua audience, è importante tenere presente gli obiettivi dell’azienda. Se lo scopo principale è creare programmi di learning molto strutturati, con la possibilità di misurare il progresso individuale dei dipendenti, è necessario utilizzare una piattaforma LMS (learning management system) con protocollo  SCORM, per permettere ai contenuti formativi di essere catalogabili, tracciabili e riutilizzabili in diversi ambienti o altre piattaforme LMS . Per produrre contenuti che siano compliant a un sistema SCORM,  occorre  affidarsi a un authoring tool.

moodle interfaccia digital learning Un LMS versatile, Moodle permette di creare dei veri e propri siti web con un’area di login per accedere ai corsi.

Nel caso invece tu voglia offrire ai tuoi dipendenti contenuti rilevanti e risorse utili, senza necessità di monitorare l’apprendimento individuale, potrebbe bastare semplicemente una pagina web, una web-app o un sito dedicato, ricco di contenuti, media e elementi interattivi. Anche i social media sono spesso usati dai brand per attività di training aziendale,  (come nel caso di  Wella).
Da notare che gli LMS più moderni offrono diverse opzioni per integrare in un unico ambiente, differenti media e formati. 

La pagina di Digital Learning di Wella, su Instagram

Un framework per il digital Learning: l’approccio di ATC per lo sviluppo di concept creativi relativi al digital learning

Costruire programmi di learning efficaci sui media digitali si rivela spesso una sfida per designer e creativi. Da una parte, infatti, occorre garantire chiarezza, modularità e struttura ai contenuti, dall’altra è fondamentale costruire un’esperienza utente piacevole ed appagante. Il design dei contenuti deve quindi andare a braccetto con la progettazione delle interazioni utente sulla pagina.

ATC learning framework

Per facilitare l’ideazione di concept creativi per l’apprendimento, abbiamo sviluppato un framework speciale, che prende in considerazione due aspetti del corporate training:  1) l’attività principale che gli utenti devono svolgere sulla piattaforma - apprendere o verificare attraverso test- e 2)la modalità in cui gli utenti assimilano di fatto il contenuto, cosa che può avvenire o attraverso un’attività mentale di studio o  per mezzo di azioni “fisiche” di gioco e di creazione autonoma del contenuto. 

L’incrocio di queste due coppie di parametri è un utile supporto alla comprensione di quali formati siano più adatti a una particolare audience o a erogare un certo contenuto formativo. Spesso i programmi di learning più efficaci sono quelli che riescono a coniugare metodi tradizionali con modi di apprendimento più esperienziali.

 

““ Il framework ATC aiuta i clienti nello sviluppo di concept creativi per l’apprendimento.””